Skip to content
image1 (1)

U17M / Ponte di Piave – Musile

UNDER 17: MUSILE CADE ROVINOSAMENTE A PONTE DI PIAVE

Pesante battuta d’arresto per gli Under 17 della Pallamano Musile che vengono sconfitti 44-23 a Ponte di Piave: una partita che non ha mai avuto storia, sempre a senso unico in favore della formazione locale.
L’avvio degli ospiti è lo specchio di quello che sarà il film dell’intera partita: una squadra molle, spaesata in campo e che non riesce a controbattere all’intensità dei padroni di casa; è emblematico il fatto che mister Andrea Ferronato sia costretto a chiamare timeout già dopo 2’20” di match sul 3-0 per il Ponte di Piave. Un accenno di reazione, per quanto puramente emotiva, si può intravedere fino al 7’ (5-2), ma di lì in poi la partita diventa totalmente in salita per Marian e compagni. Ben 17 palle perse nel solo primo tempo, consentono al Ponte di Piave di allungare facilmente con efficaci contropiedi e all’intervallo lungo la formazione di Melchiori comanda 18-8.
La seconda frazione segue la falsariga dei primi 30 minuti di gioco: limitate in parte le palle perse, la squadra musilense appare ugualmente arrendevole e priva di determinazione. La difesa fa acqua da tutte le parti e pure i portieri, anch’essi in giornata negativa, non riescono a coprire le falle lasciate dai compagni di squadra: il Ponte scappa fino al +25 (massimo vantaggio, 40-15 al 53’), prima di un sussulto finale degli ospiti che riescono per lo meno a limitare, solo in parte, un passivo davvero importante: la partita si conclude sul 44-23.
Le parole di mister Andrea Ferronato: “Innanzitutto mi preme fare i complimenti ai nostri avversari che hanno meritato sia la vittoria, che lo scarto finale con i quali si sono imposti. Per quanto ci riguarda, oggi non siamo scesi in campo: è stata una prestazione inaccettabile sotto tutti i punti di vista, a partire da quello mentale e della concentrazione. Dobbiamo fare tutti, io per primo, un autocritica per la prova indecorosa che abbiamo offerto di fronte ai tanti presenti che sono venuti a sostenere la squadra in questa trasferta. Non posso accettare di vedere una squadra priva di identità e personalità: spero che questa sconfitta serva da lezione e ci faccia riflettere. E’ il momento di rimboccarsi le maniche e preparare la prossima partita contro il Jolly: mi aspetto, sia in settimana che domenica prossima durante la partita, dei ragazzi che diano tutto quello che oggi contro il Ponte di Piave non hanno lasciato sul campo.”
TABELLINO MUSILE: Basso 2, Bergamin, Billotto, Busato 5, Cadamuro, De Ceglia 1, Jovanovic, Lorenzon 5, Marian 5, Momesso 3, Simonella, Zhou.

U17M / Belluno – Musile

PRIMO HURRA’ PER L’UNDER 17, MUSILE ESPUGNA BELLUNO

Prima affermazione stagionale per gli Under 17 della Pallamano Musile che violano il palazzetto di Sedico (BL): al termine di una partita mai in discussione, i ragazzi di mister Andrea Ferronato si sono imposti con il punteggio finale di 17-30.
Rispetto alla gara inaugurale giocata contro Oderzo, gli ospiti partono con un altro piglio: la difesa rossoblù è solida e compatta e non concede sconti al Firex Mondo Sport, mentre sul fronte offensivo Marian conduce i suoi sul +5 al 10’ (1-6).
Musile nel frattempo perde il pivot Bergamin per un’ingiusta squalifica, ma non si scompone: tre realizzazioni consecutive di Lorenzon lanciano gli ospiti sul +8 (4-12 al 20’). Billotto, autore di un’altra prova positiva tra i pali, chiude la porta, ben coadiuvato da una difesa aggressiva che blocca spesso sul nascere le iniziative avversarie.
Al 27’ mister Ferronato ha già ruotato tutti i suoi 13 effettivi a disposizione (esordio stagionale per Casagrande e Jovanovic, quest’ultimo classe 2006). Due sigilli di Busato, sul finire di frazione, regalano il +12 con il quale si torna negli spogliatoi per la pausa lunga (6-18 al 30’).
Alla ripresa del gioco, Musile effettua degli esperimenti in fase difensiva, ma la musica non cambia: la squadra ospite continua a recuperare palloni con una buona continuità, tramutati spesso in contropiedi e seconde fasi organizzate, e tocca il massimo vantaggio al 43’ (9-25).
Da questo momento, Lorenzon e compagni “escono” mentalmente dal match: diverse forzature ed imprecisioni in attacco, unite ad un generale calo di concentrazione difensivo, permettono a Belluno di assottigliare il gap fino al -11 (16-27 al 57’).
Negli ultimi 180 secondi di gioco, grazie a tre reti di Busato (top scorer del match con 8 gol), Musile tocca quota 30 sul tabellone: il match termina così 17-30, sotto gli applausi dei tanti presenti al palazzetto.
Da segnalare, a fine partita, la generosità e l’ospitalità dei genitori e dirigenti di casa che hanno preparato per tutti i ragazzi un banchetto di cibo e bevande: un bel modo di concludere in compagnia una piacevole domenica all’insegna della pallamano.
Di seguito il commento di mister Andrea Ferronato: “Sono soddisfatto a metà per questa prima vittoria stagionale. Credo che per quasi 45 minuti abbiamo disputato un’ottima prova difensiva, variando diverse soluzioni e pure gli interpreti in campo. D’altro canto, in attacco non siamo sempre stati lucidi nelle scelte, e troppo spesso abbiamo forzato e sbagliato diverse conclusioni, con un’eccessiva frenesia che penalizza il nostro sistema di gioco. Dobbiamo essere più razionali e capire quando è il momento di affrettare il gioco con le nostre seconde fasi su recupero palla e quando, invece, è più opportuno gestire con più calma e tranquillità il possesso.
Gli ultimi 15 minuti sono stati inaccettabili dal punto di vista mentale: non siamo una squadra che può permettersi di “uscire” dalla partita per un periodo così lungo, non abbiamo il talento individuale per poter reagire a dei blackout difensivi così prolungati. Dobbiamo capire che le partite durano 60 minuti: contro avversari più dotati tecnicamente e fisicamente, sono situazioni che si possono pagare a caro prezzo e che vanno a vanificare tutto il lavoro che svolgiamo in allenamento durante la settimana.”
TABELLINO MUSILE: Basso, Bergamin, Billotto, Busato 8, Cadamuro 2, Casagrande, De Ceglia 2, Jovanovic, Lorenzon 7 (K), Marian (VK) 7 , Momesso 4, Tonet, Zhou.

U17M / Musile – Oderzo

MUSILE CEDE CON ONORE ALL’ODERZO

Esordio di campionato per gli Under 17 della Pallamano Musile che, dinanzi al proprio pubblico, hanno affrontato la Pallamano Oderzo.
Nonostante una chiara superiorità fisica e tecnica dei più quotati avversari opitergini, i ragazzi di mister Andrea Ferronato hanno contenuto i danni, limitando il passivo finale a sole cinque reti di differenza (23-28), e dimostrando coraggio e determinazione per tutta la partita.

Lo scotto della prima partita ufficiale ha pesato molto sulle teste dei musilensi: una difesa passiva contro i forti tiratori ospiti ed un attacco abbastanza frenetico, hanno determinato il gap della prima frazione, chiusasi sull’ 8-15 per Oderzo.
Sistemate alcune impostazioni tattiche e scacciata l’eccessiva ansia da prestazione del primo tempo, nei secondi trenta minuti Lorenzon e compagni hanno messo in campo più aggressività e compattezza in fase difensiva, traendo dei benefici anche in attacco, dove si sono viste trame più fluide e maggiore fiducia in fase di realizzazione.
Nel buon secondo tempo disputato (terminato 15-13 in favore dei padroni di casa), va sottolineata anche la prestazione dei due portieri di Musile: il giovanissimo Billotto (13 anni e 40 minuti in campo per lui) ed il più “esperto” Simonella, hanno chiuso la partita entrambi con il 50% di parate (28/56).

Di seguito il commento di mister Andrea Ferronato: “Non è stato uno degli esordi più facili considerate le qualità dell’Oderzo, una squadra più rodata ed esperta di noi che da più di un anno lavora egregiamente con un mister rinomato come Brakocevic. Per quanto ci riguarda, probabilmente i primi 15-20 minuti sono stati decisivi ai fini dell’incontro: abbiamo subito mentalmente l’emozione della prima partita e, tatticamente, una difesa molto profonda dei nostri avversari. Nella ripresa, anche nei momenti più difficili, la squadra non ha mai mollato e ha dimostrato carattere, riuscendo a limare il gap e chiudendo in crescita fisica la partita segno che la condizione atletica, alla quale tengo molto, è complessivamente buona.
E’ scontato dire che siamo un cantiere aperto e che ci sono tantissime cose da sistemare: siamo una squadra con una delle età medie più basse dei due gironi dell’Under 17, ma questo deve essere solo uno stimolo per continuare il nostro processo di crescita, allenamento dopo allenamento, partita dopo partita. In vista della prossima trasferta a Belluno, dobbiamo sicuramente ripartire dal buon secondo tempo disputato contro Oderzo e cercare di perfezionare alcuni aspetti del nostro gioco che non hanno funzionato a dovere in questa prima partita di campionato. Se manteniamo fiducia e consapevolezza di ciò che siamo e di ciò che possiamo diventare mantenendo questo impegno e questa costanza negli allenamenti, sono sicuro che in futuro i risultati saranno una logica conseguenza.”

Tabellino Musile: Basso 1, Bergamin 1, Billotto, Busato 4, Cadamuro, De Ceglia 2, Lorenzon (K) 7, Marian (VK) 3, Momesso 5, Tonet, Zhou. All.: Ferronato